fbpx

Un nuovo centro sportivo giovanile, scout, vivaio e la prima squadra in rosa: ecco le sfide del club.

 

Articolo di Mario Pagliara – La Gazzetta dello Sport 25/03/2020

È l’agenda 2020 del Toro. È il manifesto di un piano di sviluppo di un club che, mentre il campionato è in pausa forzata, accelera la pianificazione del futuro per continuare in quel processo di crescita in corso da oltre un decennio sotto la gestione del presidente Urbano Cairo.

Quattro filoni strategici, quattro piani attraverso i quali accettare nuove sfide: lo scouting, le infrastrutture, il femminile e il settore giovanile. E poi c’è la prima squadra di Longo, tornando all’attualità, dove l’obiettivo è riportarsi in una zona di sicurezza quando e se riprenderà il campionato.

In giro per il mondo. Il primo mattonino è stato posto in estate con la creazione di una nuova area scouting. Massimo Bava, il responsabile dell’area sportiva, ha affidato a un team il compito di seguire tutte le categorie italiane e i campionati nel mondo. In 6 mesi sono stati visionati 8000 talenti nella multimediale Toro Room e attraverso una trentina di viaggi, dall’Europa al Sudamerica all’Africa. Un asset centrale.

Coverciano granata. Il tema degli impianti e quello dei giovani s’incrociano. Il Toro ha vinto il bando per la riqualificazione del centro sportivo Robaldo a Torino, abbandonato e di proprietà comunale, dove, investendo 4 milioni, realizzerà la Coverciano granata, la nuova casa del vivaio. Il club è pronto a partire con i lavori, aspetta solo l’ultimo via libera del Comune di Torino per avviare i cantieri: il sindaco Appendino si è impegnato a comunicarlo in tempi il più rapidi possibili, essendo la struttura comunale assorbita in queste settimane dall’emergenza sanitaria.

Ci vorrà un anno per costruire il Robaldo: permetterà di far fare un salto di qualità a un vivaio dove, in vista della prossima stagione, è pronto un potenziamento di tutte le squadre. E poi c’è l’area femminile, creata dal nulla un anno fa con la squadra Primavera: oggi il Toro ha 154 giovani ariete tesserate, di cui 25 nella prossima stagione entreranno in età da prima squadra. Il lavoro nel femminile, coordinato da Marco Pianotti e Paolo Polesani, ha soddisfatto il club: potrà proseguire con la nascita di una prima squadra in rosa.

I NUMERI Urbano Cairo 62 anni, è il presidente del Torino dal 2005. Massimo Bava 56 anni, è il responsabile dell’area sportiva.

4 milioni di euro che il Toro investirà per realizzare nel vecchio e abbandonato centro sportivo Robaldo di Torino la nuova casa del settore giovanile.

154 le atlete nel vivaio per il settore femminile: 25 di loro sono in età da prima squadra.

Vuoi scrivere su cmaesport?

Creative Management Association Srl

Via Alfredo Catalani, 31 – 00199 Roma

Tel. 06.89133244

Email. info@cmaesport.com

MENU’

IDENTITÁ

SPORT

RESPONSABILITA’ SOCIALE

ESPORTS

ARCHIVIO

CONTATTACI

DOVE SIAMO

PARTNER STRATEGICI

CONTATTACI!

Per qualsiasi informazione o necessità riguardo la nostra attività non esistare a contattarci.

Provvederemo a rispondere quanto prima.

CONTATTACI!

Per qualsiasi informazione o necessità riguardo la nostra attività non esistare a contattarci.

Provvederemo a rispondere quanto prima.

Share This

Share This

Share this post with your friends!